Teatro Goldoni | Programmazione Teatro Ragazzi
7553
page,page-id-7553,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-3.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

Programmazione Teatro Ragazzi

1-nov

MUSI LUNGHI E NERVI TESI

Atgtp
scritto e interpretato da Enrico Marconi, Candida Ventura
regia di Simone Guerro

Quanto è attuale parlare di gentilezza oggi? In una società dove relazionarsi è un problema anziché una risorsa, nasce questo spettacolo che indaga le emozioni scaturite dai rapporti umani, partendo proprio da quelle negative. Musi Lunghi e Nervi Tesi è un paese dove tutte le persone sono costantemente arrabbiate e maleducate: questo sentimento è così normale che finisce per essere il modo naturale in cui le persone si rapportano. Musi Lunghi è popolato da gente talmente tesa da essere incapace persino di piegare braccia e gambe! Un giorno, però, nasce una bambina diversa. Lei non comprende quel modo assurdo di rivolgersi agli altri, vive con rispetto e gentilezza ogni rapporto.

1-dic

HANSEL E GRETEL

Atgtp/Teatro alla panna
testo, regia e animazione di Luca Paci e Roberto Primavera

Ancora un classico per l’infanzia, la fiaba dal titolo famosissimo ma dai tanti risvolti misteriosi: leggendo questo intreccio di cattiverie e soluzioni magiche vengono alla mente tanti perché. Quanto può mettere paura uno spettacolo? Si può raccontare davvero l’abbandono? Se alla strega piacciono così tanto i bambini perché sta rintanata in un bosco e non fa la maestra come suggerisce Roald Dahl? Il Teatro alla Panna si è avvicinato a questa fiaba con l’idea che se si volesse davvero rappresentarla sarebbe un horror dei più crudi: quindi Hansel e Gretel non si può fare a teatro. Ma questa storia attrae irresistibilmente. E allora? Come decidere se i genitori sono due crudeli assassini o due poveretti spinti dalla necessità? Questa volta ci son tremati i polsi e siamo stati vigliacchi. Abbiamo deciso che non saremo noi a stabilire se nel bosco ci sono farfalle e fiorellini o orribili bestie; non saremo noi neanche a scegliere se far morire la strega che pur se lo merita! Per fortuna esiste la democrazia diretta e il nostro pubblico, tramite un comodo telecomando potrà votare per scegliere l’andamento dello spettacolo!

2-feb

KANU narrazione con musica dal vivo

Compagnia Piccoli Idilli
con Bintou Ouattara

KANU (amore in lingua bambarà) è uno spettacolo di narrazione con musica dal vivo, tratto da un racconto africano. Dauda Diabate e Kady Coulibaly, griot del Burkina Faso, accompagnano il racconto con kora, gangan, bara e calebasse. Il ricordo dei cantastorie d’africa, custodi delle tradizioni orali e depositari della memoria di intere civiltà, diventa uno spettacolo originale, brillante, con tratti di fine umorismo e paradossale comicità. Kanu è la trasposizione teatrale di un racconto, di un immaginario simbolico e di una sensibilità poetica legata a una cultura antica e misteriosa, dove il destino dell’uomo si compie in simbiosi con le forze della natura e il potere occulto della parola. Una cultura di cui sappiamo pochissimo, che oggi bussa alle nostre porte con la sua disperata vitalità, la sua voglia di raccontarsi, il suo orgoglio e la sua eleganza.

8-mar

DI QUA E DI LÀ | Storia di un piccolo muro

Stilema Unoteatro
con Roberta Maraini
di Silvano Antonelli

Lo spettacolo Di qua e di là – storia di un piccolo muro tratta un tema universale e contemporaneo: il rapporto con l’altro (estraneo) Il “Muro”ne è il simbolo, la metafora. Una parola che echeggia ogni giorno sui media, nella vita, nella mente. Quando c’è un problema lo si tiene lontano costruendo un Muro. Quando si ha paura ci si difende costruendo un Muro. Un Muro di mattoni e un Muro di ragioni. Un Muro reale e un Muro immaginario. Di cosa sono fatti i mattoni che lo compongono? E quanti sono? E dove passa quel muro? Fuori di noi? Dentro di noi? E chi vogliamo tenere fuori? Chi c’è di là dal Muro? E di qua? Il Muro è buono o cattivo? Ci protegge o ci imprigiona? La Storia ci insegna che i Muri fatti di pietre e mattoni possono anche essere abbattuti. Ma come si fa ad abbattere i Muri che ci portiamo dentro? Tante domande. Nessuna facile. Nessuna scontata. A partire da queste riflessioni si possono impostare una serie di semplici attività e giochi con i bambini che hanno visto lo spettacolo con lo scopo di riflettere ed approfondire le tematiche affrontate.